domenica 15 novembre 2009

Giulio Scarpati ci accompagna in un 'viaggio d'arte'

ANDATO IN ONDA SU 'RAI 3' GIOVEDI 5 novembre
Altre definizioni
http://www.magazzini.rai.it/online/index.asp?azHome=DettaglioPalinsesto.asp&ID_Palinsesto=3585

Un viaggio nel tempo nell’arte italiana guidato dall’attore Giulio Scarpati
con un mezzo d’eccezione: l’alta definizione. Si potranno godere così i dettagli della pittura pompeiana, lo splendore delle opere di Raffaello, la magia di Beato Angelico, la luce e i colori di Canova e dei Della Robbia, le maestose architetture di Vanvitelli, l’ottocento dei paesaggi del sud, di De Nittis e Fattori, e delle sculture di Vincenzo Gemito, fino alla velocità del Futurismo e al design di Mendini.

2 commenti:

Michela ha detto...

Bellissimo questo percorso d'arte! e tra tante opere d'arte,una un po' speciale: il nostro giulio!

Elena ha detto...

Che dire...?
Come al solito, una "buona" televisione è solo per gli insonni o i fantasmi.... Scherzo naturalmente, ma non poi tanto...Mi chiedo: ma la tv-generalista o commerciale- ha tanta "paura" che la gente si goda anche un po' di cultura?
Io adoro la Storia dell'arte-reminiscenze di studi classici...-tutta...forse non riesco ad "entrare" nell'arte "troppo" moderna... Ma davanti alla cappella di Giotto, qui.. a casa mia, o al Duomo di Pistoia, alle Madonne del Beato Angelico e a quella meraviglia di purezza estetica che sono le statue del Canova, non mi domando più perchè la nostra bella Italia è,nonostante tutto, ancora meta di tanti che dall'estero vengono ad ammirarla...
Mi meraviglio che NOI, italiani, non riusciamo ad apprezzarla per quello che è veramente e che non sia valorizzata a pieno per quello che vale, a livello di stato. Esiste un "Ministero per i Beni e le attività Culturali"-ci sono dentro da oltre 30 anni...- ma che fa?Poco, molto poco...E allora molto è lasciato alla buona volontà di privati o dei comuni... Penso a Possagno, la patria del Canova col Tempio e la gipsoteca; a Maser, località vicina ad Asolo-angolo di paradiso, amata, cantata e vissuta dai romantici inglesi (è,praticamente,un angolo di Inghilterra dove gli Inglesi, appena possono, vengono a "stanziare") e dove la grandissima Duse volle essere sepolta "guardando" il Grappa che, dalle finestre della sua casa vedeva ogni giorno - con la superba villa di Andrea Palladio;Pompei e i templi di Paestum e di Agrigento di una meraviglia tale da superare, forse-e senza forse..- l'Acropoli di Atene... E Piazza Armerina...o semplicemente Roma.... Io amo soprattutto la pittura e la scultura; ora qui abbiamo una bellissima mostra di Telemaco Signorini:ecco mi piace molto la sua pittura e quella dei Macchiaioli... L'Inghilterra, anche se ha una "pietra" ma è stata toccata o calpestata da un "nome", bene, è sotto la protezione del "National Trust"...
Per concludere... E' vero che ai miei tempi c'era un solo canale in bianco e nero ed in quel canale dovevano mettere tutto, dal quiz al varietà, dalla prosa, alla cronaca alla cultura...Però ci riuscivano, ci riuscivano eccome! Non ricordo di essermi mai annoiata davanti alle letture di Albertazzi e, vi dico di più-ridete pure se volete...- quando c'era l'"Intervallo" e passavano quei bellissimi paesaggi in bianco e nero, il solo guardarli mi faceva voglia di andarci...
Forse sì..non si fa "audience", "share" con la cultura...ma perchè non si può tentare di dare al pubblico qualcosa che possa invogliarlo a conoscere le proprie radici? Certamente che, se va di notte e senza nemmeno un po' di promozione..beh...allora "questa" tv è veramente solo per gli insonni o i fantasmi....