domenica 8 dicembre 2019

Ancora qualche serata con Giulio Scarpati e il suo "Misantropo"

Nel ricordare a tutti i lettori del Blog che nella PAGINA DI FACEBOOK   (cliccare per aprire in un'altra finestra) si trovano news giornaliere, nonché la Rassegna Stampa a questo link https://www.facebook.com/pg/GiulioScarpatiBlogUfficiale/photos/?tab=album&album_id=1214000982120879 ,inserisco l'articolo riguardante la tappa di Bari e interviste































DAL SITO "BONCULTURE"

Giulio Scarpati, il Misantropo: “Chi può volere che un altro cambi per amore?”
written by Anna Maria Giannone 7 Dicembre 2019

Considerato uno dei  testi chiave di Moliére, Il misantropo, dalla sua prima messa in scena a Parigi nel 1666, continua ad essere uno dei classici più rappresentati  del teatro. Cambiano le società ma rimane intatta la sua capacità di scandagliare le miserie umane al cospetto del potere, mischiando commedia e tragedia, perché, come lo stesso Molière spiegava, “il compito della commedia è quello di correggere gli uomini divertendoli”.  Questa sera e domani Il misantropo nella versione di Nora Venturini andrà in scena al Teatro Palazzo di Bari, secondo appuntamento della stagione diretta da Titta de Tommasi (domenica 8 dicembre lo spettacolo andrà in scena alle 18.30, ndr.)
Prodotto dalla storica compagnia gli Ipocriti, lo spettacolo vede nei panni di Alceste e Celimene,  Giulio Scarpati e Valeria Solarino, coppia ormai consolidata sulla scena che già ha dimostrato grande affiatamento artistico nell’adattamento teatrale di Una giornata particolare, sempre diretto dalla Venturini.

Reduce da una tournée di successo in tutta Italia, lo spettacolo proporrà una lettura del Misantropo in cui si avvicenda l’aspetto privato e l’analisi sociale, l’avventura umana e quella politica. Attorno ai protagonisti un turbinio di difetti e virtù incarnati nei tanti personaggi in scena, interpretati da Blas Roca Rey, Anna Ferraioli, Matteo Quinzi, Federica Zacchia, Mauro Lamanna e Matteo Zecchi.

Prima del debutto barese abbiamo intervistato Giulio Scarpati.

Scarpati come un testo del ‘600 può parlare al presente e come questa vostra versione del Misantropo è resa contemporanea?

La regista Nora Venturini ha scelto questo testo proprio perché è uno di quei classici che ha la forza di parlare al presente. La corte del 600 e le dinamiche del potere sono più o meno sempre le stesse,  soprattutto le moine che si fanno al potere e  l’ipocrisia che gli ruota attorno sono comuni a tutte le epoche. Alceste,  misantropo che non sopporta tutte queste bugie, che dice sempre in faccia la verità, è una figura che in tutti i tempi produce effetti eversivi. La messa in scena di Nora Venturini ha voluto sottolineare questo legame fra classico e contemporaneo anche nella scelta di fattori come le musiche, che partendo da un’ ispirazione classica viaggiano verso il jazz e la disco, o i costumi, che uniscono elementi seicenteschi con elementi attualizzanti.

Che Alceste è quello che vedremo in scena stasera?

Questa regia ha voluto raccontare in particolare la contraddizione del Misantropo, una lettura che coinvolge il suo rapporto con Celimene, interpretata da Valeria Solarino. Pur essendo assolutamente inconciliabile con la società in cui vive alla fine Alceste si innamora della più mondana di tutta la corte, totalmente distante da lui. Alceste pretende che questa donna non sia come è, una pretesa che già nel ‘600 Moliere trovava contraddittoria. Chi può volere che un altro cambi per amore? Questo ha a che fare con il tema dell’accettazione dell’altro. Il rifiuto finale di Celimene di seguire il Misantrpo in questo suo odio per l’umanità, in questo suo isolamento, è doloroso anche per Alceste. Ma lui non può sottrarsi al suo archetipo: l’assolutezza con cui vive i suoi sentimenti non può fargli accettare un compromesso. Questa messa in scena si chiede se sia giusto o no amare in questo modo. Un aspetto molto contemporaneo che non sempre viene fuori nella lettura del testo. Lo spettacolo lo fa mettendo insieme riso, comicità, commedia, ma anche riflessione e momenti emotivi.

Con Valeria Solarino e il cast di attori in sena formate un gruppo ormai consolidato, quasi una compagnia stabile d’altri tempi.

Dopo cinque anni possiamo dire che con Valeria formiamo una coppia che funziona, anche grazie a un gruppo di colleghi attori più giovani con i quali ci troviamo molto bene. Molti di loro sono già stati in scena con noi in Una giornata particolare. D’altronde con Melina Balsamo e il suo gruppo ho iniziato a lavorare già a metà degli anni ’80 : mi legava a Melina un amore molto forte per il teatro e la stessa affezione si è creata in questo gruppo. Dopo Una giornata particolare abbiamo voluto misurarci nella messa in scena di un classico, per provare la sua capacità di parlare oggi. Speriamo in futuro di trovare un nuovo testo che possa coinvolgere ancora il gruppo. Stiamo cercando di percorrere questa strada che recupera la forza dei vecchi gruppi teatrali.

Da spettatore, cosa le piace vedere a teatro?

Ricordo ancora un Orlando Furioso di Ronconi  visto a Roma da bambino. Mi piace vedere tutto, sia classici che testi contemporanei. Il teatro quando è bello ha un coinvolgimento emotivo che nessun altro mezzo ha, una capacità di suggestione senza eguali. Sono curioso anche di vedere nuovi adattamenti, capire come altri colleghi risolvono e interpretano i testi.  Credo che il teatro sia una necessità per la comunità, non un divertimento elitario per un gruppo ristretto. Andando in giro, portando gli spettacoli anche in piccoli centri e nei teatri più periferici riesco a riscoprire la capacità che il teatro ha di far confrontare una comunità con temi importanti: possono essere classici o contemporanei, sono comunque universali.

Ha mai pensato di misurarsi con una regia?

Per ora ho in programma un cortometraggio, un omaggio a Rodari su cui sto lavorando proprio in questo periodo. Una versione fantasiosa, alla Rodari appunto. È la mia prima volta dietro la macchina da presa. Lo faccio con i miei allievi, nella scuola di recitazione che dirigo a Roma, ma questa volta è diverso. Le saprò dire come è andata quando avrò finito il lavoro.

Lei è anche un formatore, cosa suggerisce ai suoi ragazzi che studiano per diventare attori?

Questa professione è fatta di energia, se hai un talento, una spinta, sicuramente questo mestiere ti è più facile. È importante sperimentare, riuscire a capire quanta forza ha la verità, la spontaneità che un attore deve trovare ogni volta che va in scena. Spesso siamo ingiusti con i ragazzi di questa generazione: tendiamo a scoraggiarli. Un comportamento assurdo per chi fa questo lavoro.  Se l’abbiamo amato e scelto con tanta  passione  non capisco perché non possiamo concedere questo stesso  fuoco alla generazione che sta venendo. È un mestiere meraviglioso, in cui si impara ogni giorno.

SERVIZIO  Tgr Rai Puglia edizione delle ore 14, 8 DICEMBRE 2019

venerdì 8 novembre 2019

Al via la seconda stagione di "MISANTROPO" ! Stasera incontro con gli attori a Pontedera

Parte da Pontedera la seconda stagione di "MISANTROPO" con Giulio Scarpati da sabato 9 novembre.
QUESTA SERA incontro con gli attori   al Mandarino Caffè Bistrot





























DOPPIO APPUNTAMENTO PER L'ESORDIO A PONTEDERA
Qui articoli e intervista


sabato 2 novembre 2019

"PERCORSI D'ATTORE" , nuovi provini l'8 Novembre e un video sul lavoro della Scuola di recitazione di Giulio Scarpati

ANCORA NUOVI PROVINI PER "PERCORSI D'ATTORE" IL PROSSIMO VENERDI 8 NOVEMBRE QUI LA PAGINA FACEBOOK DOVE INVIARE MESSAGGI
 RICORDIAMO CHE QUESTO BLOG E LA SCUOLA SONO PRESENTI ANCHE IN INSTAGRAM : https://www.instagram.com/giulioscarpatiofficialblog/ https://www.instagram.com/giulioscarpatiscuola/

 UN BEL "SUNTO" DEL LAVORO DI "PERCORSI D'ATTORE" in questo video



martedì 22 ottobre 2019

Da Novembre in scena per la seconda Stagione, 'MISANTROPO' con Giulio Scarpati

RIPARTE "MISANTROPO"! 
IN SCENA DA NOVEMBRE 





































L’aspetto privato, in questo capolavoro che si muove sempre in equilibrio tra commedia e tragedia, è altrettanto importante dal punto di vista teatrale, di quello sociale, perché ne evidenzia il fattore umano e, dalla corte del re Sole, lo porta dritto a noi.

Se Alceste è “nostro contemporaneo” nella sua indignazione impotente e donchisciottesca contro la falsità e la corruzione, sono “nostri contemporanei”, tragici e comici insieme, anche Alceste e Celimene come coppia sentimentalmente impossibile: non si capiscono ma si amano, si sfuggono ma si cercano, si detestano ma si desiderano. Sono un uomo e una donna di oggi, con torti e ragioni equamente distribuiti, protervi nel non cedere alle richieste dell’altro, non disposti a rinunciare alle proprie scelte di vita, in perenne conflitto tra loro. Nei loro difetti possiamo a turno ritrovarci e riconoscerci; e ne ridiamo, guardandoci allo specchio.





Tournée
Misantropo 2019-20
di Molière

PONTEDERA (Pi) - Teatro Era:                                         9 - 10 novembre 2019
                                                                                              Sabato: ore 21,00
                                                                                                Domenica: ore 17,30

FIRENZE - Teatro della Pergola:                                        12 - 17 novembre 2019
                                                                                               Martedì - sabato: ore 20,45
                                                                                                  Domenica: ore 15,30

VERBANIA - Teatro Maggiore:                                           19 novembre 2019   Ore 21,00                                                                                                       
CONCOREZZO (MB) - Cine Teatro S. Luigi:                      20 novembre 2019 Ore 21,00  
                                                                                                             
MANTOVA - Teatro Sociale:                                                 26 novembre 2019 Ore 21,00
                                                                                                             
ESTE (Pd) - Cineteatro Farinelli:                                             27 novembre 2019 Ore 21,00
                                                                                                              Ore: 
S. STINO DI LIVENZA (Ve) - Teatro Romano Pascutto:       28 novembre 2019 Ore 21,00
                                                                                                               
ARZIGNANO (Vi) - Teatro Mattarello:                                   29 novembre 2019 Ore 21,00
                                                                                                                
LENDINARA (Ro) - Teatro Ballarin:                                      30 novembre 2019 Ore 21,00
                                                                                                                 
CASARSA DELLA DELIZIA (Pn) - Teatro P.P. Pasolini:              1 dicembre 2019Ore: 20,45
                                                                                                                 
BARI - Teatro Palazzo:                                                                   7 - 8 dicembre 2019
                                                                                                           Sabato: ore 21,00
                                                                                                           Domenica: ore 18,00

SANSEPOLCRO (Ar) - Teatro Dante:                                          12 Dicembre  2019    Ore: 21,00                                                                                                                                                             
                                                                                                      
CAMERINO (Mc) - Auditorium Benedetto XIII:                          13 dicembre 2019  Ore 21,15
                                                                                                             
SENIGALLIA (An) - Teatro La Fenice:                                   14 dicembre 2019 Ore 21,00
                                                                                                                  
TOLENTINO (Mc) - Teatro N. Vaccaj:                                    15 dicembre 2019   Ore: 17,00                                                                                                                
TODI (Pg) - Teatro Comunale:                                                17 dicembre 2019 Ore 21,00
                                                                                                           



30 ottobre prossimi provini per 'Percorsi d'Attore' di Giulio Scarpati

























Visualizza questo post su Instagram

Il 30 Ottobre, presso il teatro le Maschere di Roma, si terranno i prossimi incontri per il bienno 2019/2021 della scuola di recitazione Percorsi d'Attore. Per info e prenotazioni: 3336266128 o inviaci un messaggio privato per richiedere più informazioni. Un corso pratico,una palestra creativa per chi volesse coltivare,intraprendere, approfondire la professione dell’attore. Un corso diretto ai giovani che nutrono una passione e vorrebbero trasformarla in una professione. Alla fine del corso sarà lo stesso allievo a rispondere alla domanda: “posso fare l’attore?” Vuoi anche tu iniziare un percorso formativo con Giulio Scarpati, Nora Venturini, Silvia Luzzi e Marco Angelilli? . . Per maggiori informazioni e per prenotarsi 333 6266128. . #giulioscarpati #recitazione #scuola #attori #roma #biennio #formazione #noraventurini #silvialuzzi #marcoangelilli #televisione
Un post condiviso da Percorsi d'Attore (@giulioscarpatiscuola) in data:

sabato 19 ottobre 2019

Scuola di recitazione Percorsi d'attore - Giulio Scarpati in Facebook e in Instagram

Quando dal palcoscenico le tue emozioni arrivano in platea e senti il pubblico respirare con te, sei felice. Il compito dell’attore: raccontare le vite degli altri facendo credere che sono le tue. Essere bravo vuol dire non dirselo mai. Come la vita, la recitazione è l’arte di sorprendere" Giulio Scarpati "Percorsi d'attore" non è soltanto una scuola, ma un corso pratico,una palestra creativa per chi volesse coltivare,intraprendere, approfondire la professione dell’attore. Vuoi anche tu iniziare un percorso formativo con Giulio Scarpati, Nora Venturini, Silvia Luzzi e Marco Angelilli? ➡️ Provini in corso, presso il Teatro Le Maschere di Roma, per il biennio 2019/2021 della scuola di recitazione Percorsi d'Attore. . Per maggiori informazioni e per prenotarsi 333 6266128 oppure inviare un messaggio privato




In Instagram  (CLICCARE SULLA FOTO PER APRIRE IL SOCIAL)



domenica 6 ottobre 2019

Memorie di Adriano: Giulio Scarpati legge Yourcenar-Centro Culturale Aldo Moro ,Orzinuovi

Oggi alle ore 20:30,Centro Culturale Aldo Moro-Via Palestro, 17, 25034 Orzinuovi

Le Memorie di Adriano da un testo di Marguerite Yourcenar

Una storia di ardore, ambizione, amore, desiderio di pace, e poi di delusione, di consapevolezza dell'umano limite, fino alla preparazione della morte. La storia di un uomo che si adoperò per rendere Roma immensa.

INFORMAZIONI E ACQUISTO BIGLIETTI

Prevendita presso Edicola Flavio Ferri
costo del biglietto € 15,00

ulteriori informazioni presso
Associazione Teatrale Fuori di Quinta e Centro Culturale Aldo Moro del Comune di Orzinuovi

Corriere Brescia e Giornale di Brescia di oggi 6 ottobre 2019 per l'evento di questa sera


Nora Venturini e Giulio Scarpati all’Ente Giostra Quintana in occasione della Giostra dei Libri

giovedì 3 ottobre 2019

Prossimi colloqui di ammissione della scuola di recitazione Percorsi d'Attore

Prossimi colloqui di ammissione della scuola di recitazione Percorsi d'Attore il 9 Ottobre alle ore 11:30.
Per info 333 6266128

venerdì 27 settembre 2019

Appuntamenti per il 4 e il 5 Ottobre :presentazioni del libro"Buio in Sala" di Nora Venturini , con letture di Giulio Scarpati




------------------------------------------------------------------------------------------------------------


  Sabato 5 ottobre alle 18.30, vi aspettiamo a Torrita di Siena in compagnia di Nora Venturini ed il suo ultimo libro "Buio in sala". Durante la presentazione, saranno effettuate letture a cura di Giulio Scarpati.