mercoledì 21 aprile 2010

Articolo da "Il cittadino"

Simpatico incontro tra un giovanissimo studente-giornalista e Giulio Scarpati, dopo lo spettacolo a Colleferro.Qui l'articolo-intervista:

2 commenti:

Elena ha detto...

Beh..che dire? COMPLIMENTI vivissimi all' "inviato" speciale del blog!
Proprio una bell'articolo! Il "cappello" all'intervista per niente banale e molto profondo e l'intervista stessa dimostrano che - PER FORUNA ..!!! - non si può e non si deve far di "tutt'erba un fascio",etichettare i giovani come senza idee, "identità" o "capaci" solo se vivono nel "branco". Daniele è l'esempio che la gioventù è sana, basta dar loro gli stimoli giusti e i giusti interessi. E credo che anche "Troppo buono" sia molto servito, in questi ormai 2 anni di tourneè, ad avvicinare i giovani al teatro senza che venga visto come un "mostro" da prendere con le pinze ma come una "normalissima" forma di spettacolo che può benissimo sostituirsi al cinema e alla tv, soprattutto a certa tv che si continua a pensare che sia la sola che i ragazzi d'oggi vogliono. Ed è noto quanto Giulio sia vicino al mondo dei giovani e quanto tenga al loro futuro che è il futuro di tutti noi...

dalila ha detto...

Complimenti all'"inviato speciale" Daniele per l'ottimo articolo la bella intervista realizzata che ha realizzato ciò dimostra che ci sono giovani veramente in gamba pieni di idee..sarà un futuro bravo giornalista :-)