domenica 21 dicembre 2008

"DON ZENO TRA REALTÀ E FICTION"


Martedì 23 e Lunedì 29 Dicembre 2008 su RAI 3 ,in seconda serata,ore 23.00
"DON ZENO TRA REALTÀ E FICTION"documentario in due parti di Gianluigi Calderone .
Un originale incontro tra immagini d'archivio, interviste e backstage della fiction "Don Zeno, l'uomo di Nomadelfia".
Il docu-film prende spunto dalla entusiastica partecipazione dei bambini della comunità alle riprese della fiction, alla quale hanno contribuito partecipando come figuranti o interpretando piccoli ruoli, ma soprattutto documentando meticolosamente le fasi della lavorazione cinematografica con un sorprendente backstage. Brani della fiction e backstage si intrecciano con i racconti dei bambini, con i documenti storici dell’archivio di Nomadelfia su sessant’anni di vita comunitaria, con i servizi giornalistici della Rai su Don Zeno e sulle Mamme divocazione, donne che rinunciano al matrimonio per allevare bambini in affidamento come fossero figli loro. La voce stessa di Don Zeno, che negli anni Sessanta in una lunga intervista aveva ripercorso la storia della sua vita,costituisce una sorta di voce narrante, il filo conduttore. Passato e presente,finzione e realtà si alternano per restituire il quadro di una comunità viva dove tutti, grandi e piccoli, hanno un ruolo, dove ciascuno si prende cura degli altri, dove la figura di Don Zeno Saltini, un padre anche per quelli che non lo hanno conosciuto, ancora esorta ed incoraggia ad andare avanti in una esperienza che, se non fosse vera, sembrerebbe utopia.



E' prevista, inoltre, per il mese di gennaio, l'uscita in dvd della fiction interpretata da Giulio Scarpati.

2 commenti:

Elena ha detto...

E' solo un peccato che abbiano deciso di trasmetterlo in seconda serata....Non ne capisco la ragione...In fondo dovrebbe essere il degno "corollario" di un bellissima fiction dove si potrà "confrontare" la realtà con quello che ci ha "trasmesso" "Don Zeno"...anzi, credo che sarebbe stato molto bello rivedere anche la fiction in un periodo come questo.... e non solo perchè è Natale ma soprattutto perchè, nel momento che stiamo attraversando, una figura di grande "maestro" che insegna come, volendolo "veramente", qualsiasi "sogno" anche un'utopia apparentemente la più irrealizzabile, se lo si vuole veramente può farsi realtà, è un grandissimo esempio e un gradissimo aiuto a non perdere mai la speranza....

Elena ha detto...

E che dire, della prima parte del documentario se non ripetermi con ... cognizione di causa..ora?!?
Documentario bellissimo, ben girato, con realtà e fiction che si "intersecano" al punto tale da "confondersi"...Splendida l'idea di inserire don Zeno - quello vero - come se ci fosse ancora, se fosse lì, in carne e ossa e non solo "in spirito".... Mostrare COS'E' Nomadelfia VERAMENTE, facendo parlare "i figli" di oggi ma, soprattutto, quelli di ieri - devo confessare che mi sono commossa nel vedere i "veri" Barile, mamma Irene e Norina.... - e toccare con mano che Nomadelfia non è un' "entità" fuori del tempo... E' DENTRO al presente, si rinnova di giorno in giorno, VIVE...ma che sollievo sentir parlare serenamente e gioiosamente bambini di "oggi" che non pretendono come "diritto acquisito" i-pod, i cartoni giapponesi, i telefonini... ma che sono bambini che la mattina, come ogni bambino, chiede di poter dormire un altro po', che vanno a scuola in bicicletta, che, insomma, "vivono". E quanta serenità in quelle "famiglie" e i quei "genitori".. E l'entusiasmo e la sorpresa di partecipare anche loro alla fiction...Poi ho rivisto la "corte" di s. Biagio e la Chiesa di s. Giacomo Roncole....e ho pensato ai "nuovi" amici che ho conosciuto grazie a don Zeno....
Ecco: se questo documentario lo facesero vedere in prima serata seguito dalla fiction, sarebbe appunto, il "cerchio" che si chiude in bellezza....